DIFFERENZE SOSTANZIALI TRA DIO E UN TOSTAPANE
Soundtrack: Billie Holiday – Speak Low Bent RMX

Nel lungo peregrinare della ragione intorno a Dio, abbiamo riscontrato alcuni problemi:
– non possiamo definirlo in quanto a cosa è, perchè nessuno lo trova.
– non possiamo giustificarlo in base a sciocche tautologie (Sant’Agostino e tutte le sue pippe mentali possono andare a quel paese).
– non possiamo che basarci su testimonianze incomplete.
In conclusione, Siamo ad un punto morto. Visto che odio l’idea di stare con le mani in mano, muovo una proposta: utilizziamo il processo scientifico induttivo ed andiamo per esclusione. Come si fa ad andare per esclusione? Così:

Preso in oggetto il caso uno (tostapane), possiamo asserire che l’oggetto uno (tostapane) non è Dio per i seguenti motivi:
– l’oggetto uno (tostapane) serve in se’ a scaldare i toast. Non pare che, seppure stimolato da adeguata alimentazione elettrica, dimostri particolari abilità nel creare universi, non pare diventi onnipresente onniscente od altro.
Inoltre è da considerarsi che:

– non si vedono nei paraggi dell’oggetto uno (tostapane) cori angelici.
– L’oggetto uno (tostapane) non sembra reagire alle bestemmie.
– non vi sono fonti accertate sulle abilità di dio nello scaldare toast.

Ora cominciate anche voi. Vi chiedo solo se lo trovate, di passare qui da casa mia che sarei curioso di vederlo com’è fatto, questo Dio.

Annunci