STORIA BREVE (e romanzata)
DELLA VALTELLINA
Soundtrack: Nellie McKay – Won’t you please be nice?

Io prima che mia sorella si prendeva questo ragazzo della Valtellina, io la Valtellina neanche lo sapevo che esisteva.
Però da quando mia sorella s’è presa il ragazzo della valtellina mia madre s’è presa a cuore la causa della Valtellina ha deciso si vede che vuole muovere l’intera economia della Valtellina tutta lei da sola, noi quando torniamo a casa c’è il frigo pieno di quadrotti valtellina che sono degli gnocchi con la bresaola e di pizzoccheri prefatti che mangiarli sono proprio diversi, da quelli della Valtellina originali.

Io così da quando ho scoperto della Valtellina, ho iniziato a documentarmi, cercare sui libri se trovavo tracce nella storia italiana di questa valle che non ci batte mai il sole. E le ho trovate.

TRACCIA 1:

Un notissimo scienziato italiano era di origine valtellinese. Questo scienziato che di solito lo si studia perchè ha scoperto un apparato particolare delle cellule, è in realtà noto nell’intero panorama scientifico per un certo particolare motivo non troppo meraviglioso. Questo scienziato aveva anche scoperto come colorare il cervello per renderlo visibile al microscopio che prima non c’era riuscito nessuno, il problema è che questa scoperta l’aveva usata un altro scienziato per scoprire i neuroni e prendersi il nobel.

Durante la premiazione del nobel il noto scienziato valtellinese che era arrivato sin lì dalla valtellina gravido di invidia s’è alzato ha iniziato a urlare che erano tutti dei ladri che senza di lui non si andava da nessuna parte e che dovevano andare tutti a cagare.

TRACCIA 2:

Un altro aneddoto che ho trovato è quello che racconta di quando Filippo Tommaso Marinetti in pieno futurismo aveva organizzato una mostra a Firenze, mostra che raccoglieva un sacco di artisti futuristi. Si racconta che ad un certo punto entra un uomo che è arrivato a piedi fino dalla valtellina. Si guarda intorno, individua Marinetti confrontando la sua faccia con la foto di uno stralcio di giornale. Quand’è sicuro che sia lui ci s’avvicina a passi grandi lo guarda fisso negli occhi e gli dice:
– Marinetti, le non è abbastanza futurista.
E riparte a piedi per la Valtellina.

Io ho smesso da un po’ di fare ricerche che per ora io del suo ragazzo ho una buonissima opinione non vorrei che questo influisse.

Annunci