Il tutto si svolge alla reception poco illuminata di un piccolo albergo a Valencia, alle 4 e 10 della mattina.
– Buonasera, io domani vorrei andare a fà colazione da Starbucks
– Tu viene chiede di Sturbusck a cuatro de mañana, è loco?
– Perchè, è un probblema?
– No, no, no es problema. Pero estàn cuatro bar acerca de aquì, puede ahir..
– Abbèllo è il tuo lavoro o no questo?
– No, mi lavoro è apre porta e custode, risolve problema si tiene alguno!
– Braavo io c’ho il problema della colazione!
– NONO IO NO FARE ESTO, IO – respira fondo, va verso il computer – babene babene, dime que cerca
– O se me voi ajutà bbene, artrimenti fa lo stesso..
– Si babene, dixe que zerca, digame.
– Starbucks.

Si guardano in silenzio per cinque, sei secondi.

– como dixe?
– Starbucks.
– Si me lo puede dividere en letera..
– Esse
(scrive)
– Ti
(scrive)
– Aspetta. Albè, comè che se scrive Starbucks?
Albè, da fuori campo, urlando: – STURBUS!
Al portinaio: – Sturbus
(il portinaio scrive)
– no hay sturbus aquì.
– Albè nun ce stà Sturbus!
Albè, da fuori campo:

– Se vede che in spagna nun ce l’hanno.

Annunci